Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Le strade della ricerca attiva

Per trovare un lavoro all'estero serve una chiara pianificazione nel tempo. Raramente si riesce a trovare un impiego rispondendo semplicemente ad un annuncio. All'estero ci sono molte questioni da affrontare che sono diverse da quelle della ricerca del lavoro in patria.
Fare ricerca attiva significa che l'interessato va ben oltre la verifica delle offerte concrete. Chi conosce attori, tendenze e richieste di uno specifico mercato del lavoro è in grado di proporsi con le modalità più adatte.
Le probabilità di riuscita aumentano notevolmente se:

  • la ricerca parte da un attento esame dei vari canali di informazione e di consulenza presenti in Italia e all'estero,
  • si svolge in modo strutturato e nel rispetto di un'adeguata tabella di marcia.


Vediamo qui in dettaglio chi può essere di aiuto nella preparazione e nell'attuazione di un periodo di lavoro all'estero.

1. La rete europea dei servizi del lavoro (EURES)
Ogni regione italiana ha il suo Euroconsigliere (di solito residente presso gli uffici di collocamento, i sindacati e le associazioni dei datori di lavoro. Questi hanno il preciso compito di informare, consigliare ed aiutare a trovare un lavoro in uno Stato membro diverso da quello d'origine. Sono tutti collegati con colleghi stranieri attraverso una rete denominata EURES (European Employment Services).

2. Strutture di orientamento e consulenza
Esistono in Italia varie altre strutture che forniscono informazioni a chi vuole trasferirsi all'estero. Informano sulle opportunità di mobilità all'estero, dal lavoro allo stage, dal volontariato allo studio e agli scambi giovanile. Gli Informagiovani operano in ambito locale mentre organismi come Eurodesk e il Centro Nazionale Risorse per l'orientamento danno informazioni e consulenza tramite il proprio sito.

3. Agenzie italiane a pagamento
Esistono molte agenzie che organizzano periodi di lavoro e studio all'estero, in particolare nei paesi anglosassoni. Si rivolgono prevalentemente ad un pubblico giovane che cerca un lavoro non qualificato per qualche mese durante il quale si prefiggono di migliorare la padronanza della lingua straniera.

4. Servizi per l'impiego nei Paesi comunitari
Ogni Paese dispone di uffici di collocamento, gestiti dal servizio statale per l'impiego e variamente denominati, che hanno lo scopo di aiutare nella ricerca del lavoro o di opportunità di formazione. Essi trattano da 1/3 a 2/3 di tutte le domande e le offerte di lavoro, prevalentemente per posti che richiedono qualifiche medio-basse. Per accedere al servizio di un'agenzia locale, è necessario essere residente in quella località.

5. Agenzie private di reclutamento
Le agenzie private di reclutamento lavorano per conto delle aziende e cercano la persona adatta al posto in questione, proponendo di solito un ventaglio di due o tre candidati. Accettato uno dei candidati, l'impresa paga all'agenzia il compenso stabilito (che può raggiungere più mensilità di stipendio del futuro dipendente). Per legge non ci devono essere spese a carico del candidato. Il mondo delle agenzie presenta molteplici tipi di organizzazione: dalla rete nazionale all'agenzia singola operante su scala locale, dagli specialisti in determinati settori come sanità o energia ai generalisti, da agenzie con numerosi selezionatori a quelle gestite dal solo titolare. Esistono agenzie di lavoro interinale per chi cerca un lavoro temporaneo oppure agenzie per lavori a tempo indeterminato. Infine ci sono anche le agenzie dei cosiddetti cacciatori di teste, che recluta solo personale altamente qualificato.

6. Internet
Internet è uno strumento importantissimo per la ricerca del lavoro perché permette di sondare il terreno e di raccogliere informazioni aggiornate pur restando a casa propria. Ci sono siti generici che descrivono il paese e le sue realtà, siti specifici per ogni tipo di professione con ampio spazio dedicato all'orientamento e portali specializzati che offrono la possibilità di fare direttamente una ricerca per posti di lavoro e di iscriversi nella banca dati dei CV. Tantissimi uffici di collocamento, agenzie interinali e di reclutamento sono presenti con un proprio sito. Molte aziende usano il proprio sito anche per la selezione del personale attraverso la pagina Recruitment o Jobs.

7. Giornali, stampa professionale
Anche nei tempi di Internet la stampa rimane uno strumento utilissimo per capire le opportunità di lavoro al di là degli Alpi. Di solito i quotidiani a tiratura nazionale pubblicano le offerte di lavoro da parte delle aziende e delle agenzie di reclutamento nelle edizioni di sabato o di domenica. Dispongono anche di sezioni specifiche per chi vuole offrirsi tramite un annuncio proprio.
Acquistabili in libreria e consultabili nelle biblioteche pubbliche e in quelle universitarie sono gli annuari come Kompass o The Times 1000, per trovare indirizzi ed informazioni varie sulle aziende. Agli studenti e ai neolaureati sono destinati repertori come GO (Graduate Opportunities) e GET (Graduate Employment and Training) per il Regno Unito, Absolventenhandbuch per la Germania, Le guide des Entreprises qui recrutent per la Francia.

8. Pubblicare un'inserzione
Nel caso di personale qualificato con esperienza, la strada di un annuncio in un quotidiano può essere quella giusta. Permette di farsi conoscere da tutte le aziende che in quel momento stanno cercando questo tipo di personale. Con un annuncio si può anche tastare il polso del mercato perché dalle risposte si capisce se la propria professionalità è richiesta oppure no.

9. Fiere del lavoro e campus recruitment
Le cosiddette "fiere del lavoro", veri e propri forum oltre che mostre sul mercato e sulle offerte di lavoro, si sono affermate e diffuse dovunque e riscuotono un notevole interesse. Si tratta di occasioni allettanti per chi cerca un impiego e vuole entrare in contatto diretto con il mondo aziendale. Qui gli imprenditori cercano di accaparrarsi le menti migliori tra le giovani leve e vengono a presentare le proprie offerte.

10. Opportunità istituzionali
La dimensione europea e mondiale in termini di lavoro vuol dire Unione Europea, European Reconstruction Bank, Consiglio d'Europa, Nato, Nazione Unite (ONU), Unesco, Fao, World Bank e tante altre organizzazioni sovranazionali. Tutti assumono cittadini dei Paesi che ne fanno parte. Molti enti prevedono la selezione tramite un concorso con prove scritte e orali. Il numero dei concorrenti per ogni posto è estremamente alto e può raggiungere anche parecchi migliaia. Ne segue una procedura particolarmente lunga e selettiva.

11. Programmi comunitari
L'Unione Europea ha messo a punto vari programmi con borse di studio che possono essere d'aiuto iniziale per chi vuole fare un'esperienza fuori dai confini d'Italia. Il programma Leonardo da Vinci, per esempio, si rivolge a diplomati, lavoratori, studenti e neolaureati che vogliono fare un periodo di formazione professionale all'estero. Il Servizio Volontario Europeo invece è destinato a giovani fino a 25 anni senza specifici requisiti professionali. Il programma "Training and Mobility of Researchers" (TMR) mette in palio borse di studio per neolaureati e per coloro che hanno conseguito un dottorato di ricerca.

12. Borse di studio

Esiste un'infinità di borse di studio. Sono messe in palio da istituzioni italiane, come il Ministero degli Esteri, e straniere. Si trovano anche borse promosse da fondazioni, camere di commercio, enti, aziende private, ecc. Possono facilitare la prima fase dell'impresa all'estero perché coprono per intero o parzialmente le spese.

13. L'autocandidatura
L'iniziativa spontanea è generalmente apprezzata e quindi le proposte di collaborazione e le autocandidature per un posto in un'azienda sono di solito un segnale gradito.

14. Ambasciate e consolati
L'ambasciata e i consolati non possono aiutare a trovare lavoro; possono però essere una fonte di contatti e indirizzi utili. Spesso dispongono, nella loro biblioteca, dei principali quotidiani e riviste che riportano gli annunci di lavoro.

15. Istituti di cultura

Il compito degli Istituti italiani di cultura è la promozione della lingua e della cultura italiana all'estero. Informazioni e consulenza riguardanti il lavoro non fanno parte delle loro competenze. La sua sede può, tuttavia, essere un luogo per contatti utili, per incontrare connazionali già inseriti nel mondo del lavoro e per scambiare esperienze. La promozione della lingua e della cultura di paesi stranieri in Italia è invece compito di istituti come il British Council e il Goethe-Institut.

16. Camere di commercio e Istituto per il Commercio Estero
Il compito delle Camere di Commercio nazionali e dell'ICE è di favorire gli scambi economici e commerciali. Per chi cerca lavoro sono una fonte utile per reperire i nomi e gli indirizzi delle aziende del settore a cui si è interessati e che sono coinvolte nei rapporti economici fra l'Italia e il paese straniero.

17. Enti per il turismo
Gli enti per il turismo non forniscono informazioni sul mondo del lavoro, ma dispongono di molte informazioni (depliant e broschure delle varie zone, per esempio) sul mondo del turismo. Di conseguenza, chi si interessa alle opportunità di lavoro nel settore turistico/alberghiero, dovrebbe iniziare direttamente nel Paese scelto la ricerca degli indirizzi di alberghi, ristoranti, campeggi, tour operator e simili.

18. Associazioni e ordini professionali
Molte professioni sono rappresentate in Italia e all'estero da ordini o associazioni professionali che tutelano l'esercizio della professione ed offrono ai propri associati servizi di consulenza che riguardano tra l'altro il riconoscimento dei titoli, la formazione continua e l'inquadramento. Possono anche essere una fonte d'informazione per la ricerca del lavoro, perché pubblicano spesso un giornale associativo con annunci di lavoro, tengono una banca dati delle candidature e fanno orientamento professionale.

19. Sindacati
I sindacati offrono servizi molti servizi e consulenza dintorno al mercato del lavoro. Riguardano il diritto del lavoro, la retribuzione, i benefici ma anche secondo paese l'inserimento nel lavoro. Secondo paese esistono uffici specifici all'interno dei sindacati per chi cerca lavoro.

20. Imprese attive a livello internazionale
Aumentano costantemente le aziende italiane che richiedono al personale la disponibilità a trasferirsi all'estero. Sono numerose, inoltre, le imprese europee - non solo grandi multinazionali - che ricercano dirigenti e personale straniero altamente qualificato; in alcuni casi gli stranieri rappresentano il 10% dei laureati assunti. Ciò perché la padronanza di una o più lingue straniere, unita a competenze tecniche e commerciali relative a vari mercati, deve caratterizzare molti dipendenti di imprese operanti a livello internazionale.

21. Il mondo italiano all'estero
Gli italiani sono stati da sempre un popolo migrante. Si sono insediati al di là dei confini già da molto tempo e hanno creato un piccolo mondo "all'italiana". Un mondo che è composto naturalmente di ristoranti e pizzerie, gelaterie e negozi di alimentari con le raffinatezze della cucina italiana. Con l'apertura dei confini nel dopoguerra sono nati anche ambienti diversi: industriali, finanziari, dei servizi.
Tutto questo ha fatto sì che in molti paesi europei si sia sviluppato un mondo parallelo di strutture destinate agli italiani, con presenza permanente o temporanea. Strutture che aiutano con l'alberghetto, che gestiscono un bar per incontrarsi e fare conoscenze nuove, che consigliano come muoversi e come trovare la casa, ecc. Spesso sono associazioni composte di volontari. Ma si trovano anche veri e propri centri di assistenza per i vari momenti della vita e che dispongono di personale permanente.

22. Networking
Seguire i consigli di persone fidate è un'esperienza di tutti i giorni. In questo modo, mettendo a frutto le conoscenze degli altri, risparmiamo tempo utile e molto spesso anche denaro. Lo stesso principio vale anche per il lavoro. Una ricerca attiva comincia a casa sfruttando tutti i contatti esistenti. Conoscenti, parenti, amici che vivono all'estero nel paese desiderato o che hanno collegamenti con il Paese, sono spesso di valore inestimabile. Possono dare indicazioni utili su come muoversi, a chi rivolgersi, su opportunità promettenti.

23. Gemellaggi
Molte città italiane sono da tempo gemellate con città straniere ed hanno sviluppato rapporti di vario tipo, come scambi giovanili, presentazione di mostre d'arte, gare sportive, invio di delegazioni per contatti economici, ecc. Questi gemellaggi permettono di entrare in contatto con persone straniere della città gemellata e di farsi tra altro un'idea anche del mercato del lavoro locale.

Chi siamo

Eurocultura Srl - P.Iva 03759950243

Sede operativa: Via Mercato Nuovo n. 44/G - 36100 - Vicenza - VI - Italy

Sede Legale: Via Morsolin n. 6 - 36100 - Vicenza - VI - Italy

0444-964770

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.