Organizzare lo scambio scolastico

Corso di aggiornamento per docenti

docenti: Franca Milan (docente di lingua) e Bernd Faas (career counsellor “Going Abroad”)

Pianificare, trovare, concordare, attuare, valutare

Gli esperti di Eurocultura hanno una lunga esperienza nell’organizzazione di scambi scolastici e giovanili nel contesto europeo.

Lo scambio con una scuola all’estero è una delle attività educative e didattiche più potenti che la scuola possa offrire. In un’epoca di connessione continua con qualsiasi parte del mondo, in cui le coordinate spaziali e temporali si confondono, è fondamentale fornire alle ragazze e ai ragazzi la possibilità di rapportarsi con la concretezza del reale, sollecitando la loro sfera emotiva con l’avventura dell’incontro di persona. Esperienza forte e spesso inedita, promuove l’assunzione di responsabilità, la capacità di mettersi in gioco e di affrontare situazioni nuove, senza l’appoggio diretto della famiglia.

La coesione del gruppo, docenti compresi, viene rafforzata, la capacità comunicativa incrementata, la collaborazione diventa una condizione necessaria. Contributo formidabile per la costruzione dell’identità europea, la ricaduta dello scambio va ben al di là dell’ambito scolastico: è un tassello fondamentale per tutte le componenti, studenti, famiglie e docenti, per ampliare le prospettive e riflettere sul proprio metro di giudizio.

Attraverso un percorso molto concreto sulle modalità di organizzazione di uno scambio scolastico, studenti e docenti partecipano alla progettazione di un’attività che  coinvolge almeno tre dimensioni fondamentali della formazione

Dimensione individuale

Gli scambi giovanili internazionali contribuiscono allo sviluppo personale ed educativo. Ciò avviene in particolare attraverso la conoscenza di persone con background culturali diversi, di nuovi ambienti di apprendimento e di contesti stimolanti, sperimentando responsabilità e consapevolezza.

Dimensione sociale

In quanto speciali luoghi di apprendimento partecipativo, gli scambi giovanili internazionali consentono ai giovani di relazionarsi con gli altri e di cambiare prospettiva. Gli scambi promuovono integrazione e inclusività. Sono programmi educativi adatti a tutti, nell'interesse della partecipazione e delle pari opportunità, senza precondizioni e su un piano di parità.

Dimensione politica

In tempi di sfide globali, gli scambi sono componenti essenziali dell'educazione: contribuiscono alla promozione dei valori democratici, della partecipazione attiva e della comprensione internazionale. Rafforzano la consapevolezza socio-politica e l'impegno civico. Permettono di fare esperienze dirette e di sperimentare la possibilità di plasmare e cambiare le condizioni sociali.

Si illustrano obiettivi, benefici, costi e modalità di realizzazione di:

Obiettivi 

  • preparazione degli allievi (e genitori)
  • individuare la scuola partner
  • concordare il programma
  • definire il budget
  • attuare
  • comunicazioni interne e esterne
  • valutazione finale

durata: 2 ore (modulo generale) o a moduli.

Sia in presenza sia come webinar.

luogo di svolgimento: sede della scuola o virtuale

destinatari: docenti incaricati dell'organizzazione dello scambio scolastico

docenti: 

Franca Milan

Bernd Faas

Altri moduli a disposizione per l'internazionalizzazione della scuola. 

Per informazioni e preventivi: consulenza@eurocultura.it

Potrebbe piacerti anche