Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Alla pari, opportunità in Europa

10 marzo 2017

    Editoriale

Il lavoro “alla pari” coinvolge migliaia di persone in Europa e non solo: si pensi ad esempio che ogni anno in Inghilterra vengono collocati circa 30.000 stranieri, in Francia 20.000, in Germania 5.000 e in Italia 3.000.
La permanenza di questo successo deriva dalla combinazione di alcune connotazioni dell’attività: quella formativa (“vado per migliorare la mia preparazione linguistica”); quella filantropica (“vado a fare qualcosa di utile agli altri”); quella pratica (“poiché ho pochi soldi, vado spendendo il meno possibile e magari per guadagnare qualcosa”); quello della sicurezza (“vado lontano da casa ma in una situazione strutturata e sicura”).

Mentre si aspetta di partire non è male tenersi in contatto con i propri “ospitanti”. Dopo avere trovato un’intesa con la famiglia via telefono, lettera e email, c’è da firmare un accordo di lavoro. In genere l’agenzia vi potrà aiutare nel redigere il contratto.  A volte può capitare di ricevere semplicemente una lettera di invito da parte della famiglia ospitante e allora dovrete essere voi a pretendere un accordo scritto.

Al momento di partire è necessario portare con sé la carta d’identità per i Paesi dell’U.E., invece il passaporto per gli altri.  Per i Paesi extra U.E. è necessario il permesso di lavoro o il visto per scambio culturale (ad esempio in U.S.A.).

Nonostante non si debbano mettere in conto grandi spese, è sempre meglio avere una certa quantità di denaro personale, anche per garantirsi un minimo di indipendenza dallo stipendio della famiglia, che comunque non sarà mai elevato.  Una carta di credito oppure un bancomat abilitato per l’estero permettono di accedere sempre e velocemente ai contanti.  Inoltre, in caso d’emergenza, i vostri genitori possono farvi arrivare dei soldi entro lo stesso giorno tramite bonifico telegrafico.

Normalmente il viaggio di andata è a carico del lavoratore “alla pari”, mentre per il ritorno, soprattutto per soggiorni lunghi (un anno), è abbastanza comune che sia la famiglia ospitante a provvedere.

È da tener conto inoltre che bisognerà provvedere personalmente al pagamento del corso di lingua, nel caso si abbia intenzione di frequentarlo.  Attenzione: il costo della vita può variare notevolmente da quello abituale (un cappuccino a Londra costa 3 Euro, il treno TGV tre volte quello di casa, mentre la telefonata dall’Olanda all’Italia costa solo la metà e la discoteca tedesca è gratis).


Agenzie italiane

Genova A.R.C.E
Torino Welcome Agency 
Torino APE - AU PAIR IN ITALY 
Torino CELTIC CHILDCARE AGENCY 
Gallarate (VA) 3 Esse Agency 
Roma, Milano e Oderzo (TV) WEP World Education Program
Milano BEC - British European Centre 
Milano - Genova International Au Pair Italy
Padova MB - Scambi Culturali 
Alano di Piave (BL) AU PAIR EUROPE 
Bologna STI Study Travels International 
Ferrara Agenzia Italiana Aupair e Scambi Culturali
Roma e Milano Cultural Care Au Pair 
Roma Euroma 
Napoli Steps 
Capoterra (CA) Indirizzo Inghilterra
Noto (SR) Living Association Aupair


Altri indirizzi e informazioni utili si trovano in:

http://www.portaledeigiovani.it/scheda/lavoro-alla-pari-informazioni-generali

http://bancadati.informagiovanipiemonte.it/schede-orientative/schede/1571/lavoro-alla-pari-allestero

http://www.informagiovani.fe.it/p/187/soggiorni-alla-pari.html

http://www.informagiovaniroma.it/estero/approfondimenti/studiare-all-estero/lavorare-alla-pari

Chi siamo

Eurocultura Srl - P.Iva 03759950243

Sede operativa: Via Mercato Nuovo n. 44/G - 36100 - Vicenza - VI - Italy

Sede Legale: Via Morsolin n. 6 - 36100 - Vicenza - VI - Italy

0444-964770

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Network