Borse di studio in Italia Stampa

A cura di Loredana Toso*

Studiare all’estero dopo la laurea può essere molto costoso. Fortunatamente, con reale motivazione, tenacia e pazienza, si può accedere ad alcune interessanti opportunità di finanziamento per i propri studi. Secondo la Banca Mondiale, addirittura il 70% degli stranieri che studiano in USA usufruiscono di una qualche forma di supporto economico!  Per prima cosa è necessario verificare direttamente le facilitazioni concesse dalle Università presso le quali ci si candida. Le possibili forme di sostegno solitamente offerte da istituti di formazione, fondazioni, enti pubblici e privati sono:

• Le borse di studio:
contributi a fondo perduto riconosciuti al candidato, concessi sulla base di requisiti di merito o di reddito. Possono coprire parzialmente o totalmente il costo del corso di studi, talvolta prevedendo anche quote superiori, a rimborso delle spese.
• I prestiti  e altre tipologie di credito, concessi a tassi favorevoli e senza richiesta di ulteriori garanzie, che consentono di restituire il denaro in forma dilazionata.
• Gli assegni di ricerca, che mettono a disposizione somme di denaro, come remunerazione dell’attività di ricerca da effettuare.


Alcune opportunità:

Diamogli Credito (http://www.diamoglicredito.it ) è una iniziativa di alcuni Ministeri, in collaborazione con l’Associazione Bancaria italiana, che consente l’accesso al credito a studenti anche per frequentare master internazionali. Gli interessati possono presentare domanda a uno degli istituti di credito convenzionati, ottenendo fino a 6.000€ senza ulteriori garanzie, da restituire da un tasso fisso agevolato.

Anche il Fondo Studenti Italiani (www.fondostudentiitaliani.it ) fornisce assistenza finanziaria ai laureati per il conseguimento di Master o di Ph.D presso università degli Stati Uniti, concedendo fino ad un massimo di 15.000€ in un’unica soluzione. Per maggiori informazioni: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo .

Ogni anno, il Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it ) dà la possibilità a giovani laureandi, laureati e ricercatori di specializzarsi nelle specifiche discipline indicate dai bandi, in diversi paesi in tutto il mondo,  con la copertura spesso totale delle spese.
La Banca d’Italia (www.bancaditalia.it ) finanzia annualmente percorsi di perfezionamento in Italia e all’estero nel campo dell’economia politica, delle metodologie statistiche e discipline giuridiche. Tutte richiedono l’obbligo di frequenza di corsi di perfezionamento post laurea di durata non inferiore ai 9 mesi.

L’INPDAP eroga borse di studio per la frequenza di corsi di specializzazione, master e dottorati di ricerca, in Italia e all’estero, attraverso il concorso Homo Sapiens. La competizione è rivolta ai figli e agli orfani di iscritti e pensionati Inpdap e di lavoratori pensionati pubblici, iscritti al fondo, con particolari requisiti di reddito e di merito (www.indpdap.gov.it ).

La Fondazione Banca del Monte di Lombardia (www.fbml.it ),  offre opportunità di crescita professionale per giovani meritevoli della Lombardia, attraverso il Progetto Professionalità I. Becchi, che finanzia interamente le spese per un massimo di 25 percorsi di formazione personalizzati in Italia o all’estero, della durata non superiore ai 6 mesi. La Fondazione Luigi Einaudi (www.fondazioneeinaudi.it ) offre un ventaglio di opportunità per giovani laureati o dottori per attività di ricerca post universitaria in Italia e all’estero in discipline economiche, politiche e storiche.

Anche la Fondazione Giovanni Agnelli (www.fga.it ) prevede un numero di borse di studio, destinate all’iscrizione a corsi di studio post laurea in materie scientifiche e tecnologiche per giovani di età non superiore ai 30 anni.
L’Associazione Borsisti Marco Fanno bandisce concorsi a titoli per borse di studio per laureati che intendano perfezionare all’estero i loro studi in discipline economiche. Per informazioni: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Infine, la Banca Carime consente a laureati in giurisprudenza e scienze politiche delle università di Basilicata, Calabria, Campania e Puglia, di concorrere per l’assegnazione di borse di studio per progetti di ricerca all’estero in materia di diritto internazionale penale. (www.brebanca.it ).

Alcune regioni e provincie italiane offrono finanziamenti per frequentare master all’estero. Ad esempio, la Regione Puglia finanzia fino a 25.000 € per la partecipazione a master universitari italiani ed esteri. www.formazione.regione.puglia.it .
La Regione Sardegna con il Programma Master and Back intende premiare giovani laureati sardi in possesso di un eccellente curriculum (www.regione.sardegna.it ).

Le Marche (www.uniurb.it ) prevedono voucher formativi a parziale copertura delle spese per chi risiede in regione e ha meno di 35 anni e intende frequentare Master in Italia e all’estero.
Infine, Noopolis (www.noopolis.eu ) ha previsto una banca dati sulle borse di studio con informazioni costantemente aggiornate su opportunità in tutto il mondo. Per maggiori informazioni: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo .


*career counsellor “Study abroad”


Per gli iscritti di Eurocultura è disponibile nell'area riservata:

- Borse di studio in Europa
- Borse di studio oltreoceano





Le migliori università del mondo nel 2010

Master online

GMAT: il test per l'accesso alla MBA


© Riproduzione riservata



 
Advertisement
Advertisement